Filiera istituzionale e formazione continua

Caricamento Eventi

Quello della filiera istituzionale è un tema molto complesso che riguarda l’interazione tra differenti livelli di governance e di government deputati a leggere i bisogni delle comunità, delle organizzazioni e delle persone per trasformarli in obiettivi di politica attiva del lavoro e del sociale. I problemi che ne scaturiscono sono di interfaccia tra differenti enti lungo la filiera istituzionale, di sincronizzazione tra differenti comparti dello stesso soggetto istituzionale, di capacità di lettura e analisi dei bisogni che insistono su specifici territori, di competenze di pianificazione, programmazione e progettazione degli interventi formativi per la rimozione delle cause generatrici dei problemi, fino all’efficienza dei processi amministrativi.

Questo groviglio di competenze, passaggi di mano, interazioni tra istituzioni e tra istituzioni e privati, che già di per sé mina la qualità della formazione, diventa il minore dei problemi laddove si pensi al lasso di tempo che il compimento del ciclo di vita della formazione richiede. Cosa si può fare dunque per migliorare la qualità del ciclo della formazione? Ci sono almeno tre ambiti di intervento su cui si può avviare un ragionamento serio volto all’innalzamento dell’efficacia e della pertinenza della formazione continua: rafforzare specifiche competenze degli attori della pubblica amministrazione, razionalizzare i punti di interfaccia lungo la filiera istituzionale, migliorare l’interazione tra stazione appaltante e ente formativo.

In quest’ambito si può immaginare lo sviluppo di contesti di apprendimento in cui differenti soggetti interagiscono all’interno di processi attuativi con l’obiettivo di uniformare i linguaggi, condividere le procedure e ridurre i tempi di esecuzione delle varie fasi al fine di rendere coerente l’offerta formativa con il bisogno che l’ha generata.

Programma

Ore 15,30 – Presentazione del position paper arricchito dei contributi derivanti dalle attività svolte nelle due settimane di Agorà.

Ore 16.30 – Discussione sul tema (interventi programmati in presenza e on line)

Ore 18,30 – Organizzazione delle proposte emerse per la condivisione e la razionalizzazione in termini di opzioni e priorità

Ore 19,30 – Conclusioni da parte degli esperti con identificazione dei punti e di forza e debolezza, dei problemi e delle proposte risolutive.

Iscriviti

Carrello