Libro Bianco – Work in progress #2

Il percorso dei workshop all’interno degli Stati Generali della Formazione e del Lavoro si è concluso al Regio Teatro San Carlo di Napoli, dove esponenti di spicco della Formazione campana hanno dato vita a un vivace interscambio con i vertici di Fondimpresa coordinati da Antonello Calvaruso, Paolo Viel e Davide Diamantini.
Sono stati cinque mesi di intenso lavoro, cinque workshop in giro per l’Italia che hanno permesso un serio approfondimento su tematiche concrete legate alla Formazione e una interconnessione reale e costruttiva fra gli iscritti agli Stati Generali, grazie alla possibilità di condivisione e discussione delle proposte di ognuno sulla piattaforma di coworking, intesa non come luogo dove far passare il tempo cliccando ogni tanto per maturare ore di presenza, ma punto di incontro e di interscambio costruttivo per migliorare e migliorarsi.

Terminata la fase dei Workshop, entra nel vivo la stesura del Libro Bianco della Formazione, il punto di arrivo che riassume idee e progetti emersi durante i lavori degli Stati Generali e che ha come obiettivo quello di diventare una sorta di Vademecum per i prossimi passi, necessari, che devono essere intrapresi dalle istituzioni per mettere in moto un cambiamento vero della Formazione nel paese, punto focale per il rilancio del mondo del lavoro.

Di seguito riportiamo i capitoli, divisi per tematiche, emersi al termine dei workshop e che costituiranno la struttura del Libro Bianco della Formazione.

Tra le diverse idee finora “postate” sulla tematica Cultura, Capitale Sociale e Territorio i formatori hanno esposto l’esigenza di interrogarsi principalmente:

  • sul rapporto tra globalizzazione e localizzazione;
  • sulla nozione e la definizione del genius loci;
  • sulle competenze del formatore al fine di supportare lo sviluppo del territorio;
  • sulla possibilità di collegarsi e condividere esperienze, idee e competenze;
  • su come formare all’agire: ovvero favorire la trasmissione dei saperi comprendendo il territorio e “picconando alla ricerca di pietre grezze, di quelle potenzialità che in certi contesti sono sopraffatte dal contingente”;
  • sul rapporto tra globalizzazione e localizzazione, parlando anche di “glocalizzazione”;
  • sui nuovi strumenti di analisi del fabbisogno e di progettazione per lo sviluppo del territorio e delle aziende di uno specifico distretto;
  • sull’importanza dei corsi interaziendali;
  • sulla rilevanza dei movimenti spontanei di rigenerazione urbana e dei progetti per la riqualificazione territoriale.

 

Sulla tematica Digital Trasformation:

  • sui cambiamenti determinati dalla trasformazione digitale
  • sul rapporto tra soft skill, sviluppo delle persone e digital trasformation;
  • sulle possibili funzioni del formatore, tra formazione d’aula e gamification;
  • sulla relazione tra il digitale e la formazione;
  • sulle nuove competenze e sulla funzione del digitale nella formazione;

 

Sulla tematica Giovani, Patto Generazionale e Interculturalità:

  • sulla relazione tra la formazione e il mercato del lavoro, sottolineando alcune questioni come la mobilità,lo sviluppo delle competenze e l’importanza del coinvolgimento degli stakeholder;
  • sulla relazione tra sistema sanitario e formazione, evidenziando la necessità di inserire nuovi e giovani medici;
  • sui cosiddetti giovani “millennials”, evidenziandone le potenzialità, le problematiche e il ruolo dei social;
  • sull’integrazione dei giovani stranieri e il diversity management;
  • sull’abbandono scolastico;
  • sulla rapporto tra social, formazione e processi di apprendimento.
  • sulla relazione tra la formazione e il mercato del lavoro, la mobilità, lo sviluppo delle competenze;

 

Sulla tematica Filiera istituzionale e Formazione Continua:

  • sull’importanza della formazione continua e l’erogazione del servizio formativo in Italia e in Europa, sulla delicata relazione tra le PMI e la formazione;
  • sui Fondi interprofessionali;
  • sul ruolo della formazione per i territori, i lavoratori e i disoccupati.
  • sulla tematica Innovazione Sociale e nuovi Scenari Economici:
  • sul ruolo della formazione per “affrontare” il presente e la sfida con il futuro;
  • sulla relazione tra lavoro e formazione generata dall’innovazione: tra possibilità e criticità;
  • su alcune definizioni a proposito di innovazione sociale;
  • sulla formazione continua dei leader e della leadership.
2019-11-11T07:19:07+01:00

Iscriviti

Carrello